San Pio X

il Progetto

Il Centro Culturale Laguna di Venezia promuove questo ampio progetto, legandolo ai momenti significativi della figura di San Pio X, soprattutto in veste di Patriarca di Venezia. Si prevede l’opportuno collegamento con le iniziative promosse dagli altri soggetti in occasione del primo Centenario della morte di San Pio X.

  • Pio X, Giuseppe Sarto, fu l’unico Papa ad essere proclamato Santo nel XX secolo (1954), motivo, questo, di grande onore per la sua terra, il Veneto, e per Venezia, sua città d’adozione.
  • Venezia è sempre stata nel cuore e nella mente del Pontefice che, nel Suo tempo libero e in forma privata, visitava le isole della Laguna. In particolare, l’isola di Burano fu al centro della Sua attenzione e sensibilità nei confronti degli umili: in un periodo di grave crisi economica, Egli rilanciò la scuola del merletto e diede lavoro a 400 ragazze. Il 12 gennaio 1898, Giuseppe Sarto inviò una circolare al clero, per suggerire l’acquisto dei pregevoli manufatti realizzati dalle merlettaie di Burano.
  • San Pio X promosse a Venezia l’istituzione del Banco S. Marco e potenziò la Società di Mutuo Soccorso sorta a Marghera; istituì forme di assicurazione contro le malattie e di assistenza agli operai e agli emigranti.
  • Lungimiranza e modernità Gli permisero di cogliere l’importanza dello sport nell'ottica "Mens sana in corpore sano", e di incoraggiare la nobile iniziativa del barone De Coubertin, che ripristinò in epoca contemporanea i giochi olimpici.
  • Sempre a Venezia fu istituita, per Sua volontà, l’unica Facoltà di Diritto Canonico fuori Roma; una facoltà internazionale frequentata da studenti provenienti da tutto il mondo.
  • L’attenzione per il problema dell’emigrazione Lo portò ad istituire il 5 agosto 1912, già Papa, l'Ufficio Speciale per l'Emigrazione, da cui sarebbe nato quello che oggi è il “Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e Itineranti”. Tema tanto attuale che farà convergere a Venezia, in occasione dell’ultima conferenza, Enti ed Associazioni Venete sparse nel mondo, per rendere omaggio al Papa Santo.
  • San Pio X fu anche musicista: compose canti polifonici ispirati a canti gregoriani. A Mantova conobbe Lorenzo Perosi che Gli fece apprezzare l’opera di ricerca scientifica sulla comparazione dei Codici e l’interpretazione semiologica del canto primordiale della Chiesa da parte dei monaci di Solesmes. Il Maestro Perosi Lo seguì durante il Patriarcato a Venezia, divenendo Direttore della Cappella della Basilica di S. Marco nel 1894; durante il Pontificato di Leone XIII, nel 1898, fu nominato Maestro della Cappella Pontificia “Sistina” a Roma.
  • Venezia e le isole saranno al centro di iniziative parallele con concerti atti a promuovere gruppi di giovani musicisti. Verranno eseguite composizioni inedite su elaborazioni di musiche scritte da San Pio X.
  • San Pio X, assieme ai Suoi più stretti collaboratori, promosse e sostenne i nuovi orientamenti dell’arte sacra in Italia. Saranno presentate alcune delle opere d’arte, presenti in tutto il mondo, ispirate o dedicate alla Sua figura.
  • La Sua devozione Mariana Lo portò a incoronare e benedire alcune immagini e statue dedicate alla Madonna in Santuari Mariani del Veneto (Caorle, Monte Berico, Monte Grappa, Riese, … ); il 29 marzo 1905 inaugurò, nei Giardini Vaticani, una Cappella dedicata a Nostra Signora di Lourdes, alla quale era devoto; il 24 agosto 1910, proclamò la Madonna di Guadalupe Patrona dell’America Latina.
  • Il 2 febbraio 1904 S. Pio X redasse l’enciclica “Ad diem illum” per il cinquantesimo anniversario del dogma dell’Immacolata Concezione. Fu in seguito proclamato Patrono dell’U.N.I.T.A.L.S.I.